Bellariva rappresenta il sud del nord; non è un conetto complicato, è soltanto la realtà dei fatti. E’ infatti il confine fra la zona di Marina Centro e la zona Sud di Rimini; il turismo a Rimini ha avuto negli anni ’60 una forte espansione verso la zona Sud, perché Marina Centro era diventata talmente famosa che non erano più sufficienti le strutture ricettive di Marina Centro per soddisfare le richieste della clientela.
Dunque grazie al boom del turismo, i confini di Marina Centro si spostano più a Sud, e alla nuova frazione viene dato il nome di Bellariva, un nome che associato a quello di Rivabella, che si trova dalla parte opposta, nel litorale Nord di Rimini, voleva dare l’ idea dell’esplosione del turismo a Rimini.
Bellariva è facilmente raggiungibile con qualsiasi mezzo di trasporto, dall’autostrada A14 si raggiunge uscendo al casello di Rimini Sud, per chi arriva con il treno si scende alla stazione ferroviaria di Rimini. Da lì si prende il bus di linea n° 11, che passa ogni 7 minuti e il cui tragitto dura 7 minuti Dalla stazione ferroviaria o dal centro si può prendere anche il taxi per arrivare a Bellariva. Bellariva è servita, come tutte le località vicine della zona sud, anche dall’aeroporto internazionale Federico Fellini, che si trova in località Miramare di Rimini.

Alberghi, sagre e feste

La struttura ricettiva di Bellariva, è composta da hotel di 1 stella, 2 stelle, 3 stelle e 4 stelle. Tutti gli alberghi e pensioni di Bellariva, qualunque sia il numero delle stelle, sono condotti con un ottima professionalità da parte dei gestori, essi offrono un’alta qualità del prodotto offerto, fatta di servizi confortevoli, per permettere all’ospite di trascorrere serenamente in un ambiente famigliare le proprie vacanze.
A Bellariva sorge la colonia Murri, che dopo essere stata per tanti anni in uno stato di abbandono e di degrado, sarà a breve interessata da un processo di riqualificazione che non riguarderà solo la colonia, bensì tutta l’area adiacente, la delibera sulla Murri è stata votata alcuni mesi fa dal consiglio comunale di Rimini.
Bellariva è conosciuta per le sagre che organizza per intrattenere i suoi ospiti, come la “Sagra dla Puraza”, in dialetto, in italiano sagra della vongola e del sangiovese. La vongola viene chiamata puraza o poveraccia, perché essendo Rimini e anche Bellariva un posto di mare, la vongola era il cibo meno costoso e comunque prelibato, che si mangiava facendo scarpetta intingendo il pane nel sugo.
Da ricordare anche le feste che fanno parte del programma cento giorni di festa, che vengono tenute nel parco della Murri e sul lungomare Di Vittorio; sono feste dell’ospitalità con “rustida” di pesce o grigliate di arrosto, dove si beve il vino dei colli riminesi “Pagadebit”, Sangiovese e Trebbiano, e dove non manca mai la Pida, la mitica piadina romagnola. Questa sagre, queste feste vengono di solito allietate da musica suonata da orchestre romagnole e da fuochi di artificio. La festa in piazza con orchestra romagnola, chiude la carrellata di sagre e feste.
A Bellariva insomma, è piacevole passare una vacanza sia per i giovani, che trovano una vasta scelta per divertirsi, che per famiglie e bambini, che trovano una spiaggia curata e piacevole, e anche per chi desidera vivere una vacanza intelligente, fatta di cultura e arte. Rimini capoluogo si sta affermando, fra le varie offerte turistiche, anche come città d’arte.